Etichettato: acqua

Dio nel cielo e l’uomo nel fango

Un re nudo, cinto solamente dalla corona, viene trascinato via da una corrente impetuosa; egli implora un Dio che sembra distante, quasi incapace di raggiungere l’uomo:

Continua a leggere

Annunci

Il Giudizio Universale: il cerchio e la croce

Affresco del Giudizio Universale nella chiesa di Sankt Lorenzen im Lesachtal (Austria)

 

Nella chiesa di Sankt Lorenzen im Lesachtal (Austria) si trova un magnifico affresco raffigurante il giudizio universale.
Continua a leggere

6

“Phlebas il Fenicio, morto, da quindici giorni
Dimenticò il grido dei gabbiani, e il fondo gorgo del mare,
E il profitto e la perdita.
Una corrente sottomarina
Gli spolpò l’ossa in sussurri. Come affiorava e affondava
Passò attraverso gli stadi della maturità e della giovinezza
Procedendo nel vortice.
Gentile o Giudeo
O tu che giri la ruota e guardi sopravvento,
Considera Phlebas, che un tempo fu bello, e alto come te.”

(T.S. Eliot, La terra desolata)

Continua a leggere

5

 

“Mi chiamavano la ragazza dei giacinti.
– Eppure quando tornammo, a ora tarda, dal giardino dei giacinti,
Tu con le braccia cariche, con i capelli madidi, io non potevo
Parlare, mi si annebbiavano gli occhi, non ero
Né vivo né morto, e non sapevo nulla, mentre guardavo il silenzio,
Il cuore della luce.
Oed’ und leer das Meer.”

(T.S. Eliot, La terra desolata)

Continua a leggere

4

 

“La barca rispondeva
Lietamente alla mano esperta con la vela e con il remo
Il mare era calmo, anche il tuo cuore avrebbe corrisposto
Lietamente, invitato, battendo obbediente
Alle mani che controllano

Sedetti sulla riva
A pescare, con la pianura arida dietro di me
Riuscirò alla fine a porre ordine nelle mie terre?”

(T.S. Eliot, La terra desolata)

Continua a leggere

3

“Ecco qui, disse,
La vostra carta, il Marinaio Fenicio Annegato
(Quelle sono le perle che furono i suoi occhi. Guardate!)
E qui è la Belladonna, la Dama delle Rocce,
La Dama delle situazioni.
Ecco qui l’uomo con le tre aste, ecco la Ruota,
E qui il mercante con un occhio solo, e questa carta,
Che non ha figura, è qualcosa che porta sul dorso,
E che a me non è dato vedere. Non trovo
L’Impiccato. Temete la morte per acqua.”

(T.S. Eliot, La terra desolata /John William Waterhouse, Circe Invidiosa)

Continua a leggere

2

“Full fathom five thy father lies.
Of his bones are coral made.
Those are pearls that were his eyes.
Nothing of him that doth fade,
But doth suffer a sea-change
Into something rich and strange.”

(“A cinque tese sotto
dell’acque sta sepolto
tuo padre, e non è morto,
ché la magia del mare
lo seppe trasformare
in cosa ricca e strana:
son l’ossa sue coralli
e perle le pupille;
ed ogni ora le ninfe
fan per lui rintoccare
la funebre campana”)

 

 

(Shakespeare, The Tempest)

Continua a leggere

1

“Se vi fosse acqua
E niente roccia
Se vi fosse roccia
E anche acqua
E acqua
Una sorgente
Una pozza fra la roccia
Se soltanto vi fosse suono d’acqua
Non la cicala
E l’erba secca che canta
Ma suono d’acqua sopra una roccia
Dove il tordo eremita canta in mezzo ai pini”

[…]

“Quali sono le radici che s’afferrano, quali i rami che crescono
Da queste macerie di pietra? Figlio dell’uomo,
Tu non puoi dire, né immaginare, perché conosci soltanto
Un cumulo d’immagini infrante, dove batte il sole,
E l’albero morto non dà riparo, nessun conforto lo stridere del grillo,
L’arida pietra nessun suono d’acque.
C’è solo ombra sotto questa roccia rossa,
(Venite all’ombra di questa roccia rossa),
E io vi mostrerò qualcosa di diverso
Dall’ombra vostra che al mattino vi segue a lunghi passi, o dall’ombra
Vostra che a sera incontro a voi si leva;
Vi mostrerò la paura in un pugno di polvere”

(T.S. Eliot, La terra desolata)

Continua a leggere