Sulle spalle dell’Uomo

La mente dell’uomo è al tempo stesso un ponte ed un sostegno per la sfera delle Idee.
Un compito nobile, eppure anche un peso difficile da portare!

Atlante Farnese, attualmente conservato presso il museo archeologico di Napoli

Atlante Farnese, attualmente conservato presso il museo archeologico di Napoli



 

San Cristoforo rappresenta la versione cristiana del medesimo simbolo espresso dall’Atlante dei greci.

Affresco di Melchiorre d'Enrico, chiesa di San Michele a Riva Valdobbia

Affresco di Melchiorre d’Enrico, chiesa di San Michele a Riva Valdobbia

“Cristoforo era una cananeo , un gigante dotato di grande forza e imponenza fisica. Era un guerriero ed aveva anche un volto che incuteva terrore in tutti. Aveva un grande desiderio: quello di mettersi al servizio dell’uomo più forte. E si mise alla ricerca. Trovò dapprima un re potente e, ben contento, si mise al suo servizio.
Ma un giorno in presenza di un giocoliere che cantava una canzone nella quale si nominava il diavolo, vide che il re, tutte le volte che lo si nominava, si faceva il segno della croce. Cristoforo, dubbioso e inquieto, chiese al re la spiegazione del suo comportamento. Visto che questi tentennava, minacciò di andarsene. Allora finalmente gli confidò: “Quando sento nominare il diavolo, mi faccio il segno della croce per togliergli ogni possibilità di nuocermi”. Cristoforo logicamente concluse che il diavolo era più forte del re. Lo lasciò, e si mise alla ricerca… del diavolo, per mettersi al suo servizio. Vista l’ubiquità del soggetto, non dovette faticare molto in questa ricerca. Infatti percorrendo una landa deserta vide venirgli incontro un personaggio dall’aspetto terribile che gli chiese: “Dove vai e chi cerchi?”. Cristoforo gli rispose: “Sto cercando il signor Diavolo perché ho sentito dire che è il più forte”. E il diavolo, antico Maestro di menzogna, gli rispose: “Sono io quello che cerchi”. Ed ecco Cristoforo mettersi al suo servizio: lo seguiva e gli obbediva docilmente. Un vero discepolo.
Ma un giorno incontrarono una Croce e il diavolo cambiò precipitosamente strada. La cosa non gli sfuggì: “Che significa questo? Perché eviti la Croce?”. Il diavolo fece finta di non capire e non rispose. Ma l’altro continuò: “Si direbbe che tu ne abbia paura”. Di nuovo silenzio. Poi alla minaccia di abbandonarlo per sempre, il diavolo si vide costretto a “confessare” quell’unica debolezza di aver paura davanti alla Croce da quando un certo Gesù Cristo vi era morto sopra… Cristoforo logicamente concluse: “Allora se hai paura vuol dire che non sei tu il più forte. Addio, camminerò fino a trovare questo Gesù Cristo”. E abbandonò il diavolo al suo destino.
Di nuovo in cammino, di nuovo alla ricerca del più forte. “Dov’è Gesù Cristo” chiese alla gente. Gli dissero: “Vai da quell’eremita laggiù. Ti mostrerà Gesù Cristo”. Andò e lo trovò: era un povero eremita tutto capanna, penitenza e preghiera. “Che cosa devo fare per vedere Gesù Cristo?” gli chiese subito. Che domanda. Il povero eremita era sì un santo ma non era esperto nel discernimento dello spirito, non aveva avuto tempo di aggiornarsi. Ed inoltre non conosceva il proverbio che dice che prima di conoscere una persona bisogna consumare un paio di scarpe camminando insieme.

“Digiunare”. Lo guardò perplesso: “Digiunare? Non sono capace. Insegnami un altro mezzo”. Rispose: “Per vedere Gesù Cristo bisogna pregare molto”. Cristoforo rispose: “È un’altra cosa che non posso fare perché non so cosa significhi pregare”. L’eremita allora gli indicò il fiume dicendogli: “Nessuno può attraversarlo senza pericolo di morte. Ebbene, mettiti sulla sua riva: la tua enorme statura e la tua prodigiosa forza ti serviranno a trasportare da una riva all’altra i viaggiatori. Faresti un servizio che a Cristo sarebbe molto gradito. Allora potrai vederlo”.

Soddisfatto finalmente gli rispose: “Questa è una cosa che posso fare e, per servire Cristo, la farò”. E fece proprio così con impegno, giorno e notte, verso tutti senza discriminazione. Ed era anche contento. Ma quando avrebbe visto Gesù Cristo?

Una notte sentì la voce di un bambino che lo chiamava: “Cristoforo, vieni, aiutami ad attraversare il fiume”. Cristoforo uscì dalla sua capanna ma non vide nessuno. E così fu una seconda volta. Nessuno. Alla terza volta finalmente vide un bambino che lo pregava di aiutarlo: “Vieni e trasportami all’altra riva”. Cristoforo si caricò il bambino sulle spalle e cominciò la traversata. Doveva essere una traversata molto semplice invece tutto a poco a poco si complicò.
Il peso sulle spalle aumentava sempre di più, l’acqua saliva sempre di più: e lui, il gigante, per la prima volta, credette di non farcela. Ma ci riuscì anche questa volta.

Allora gli disse: “Bambino mio, Tu mi hai messo in un bel pericolo. Pesavi così tanto come se avessi avuto il mondo intero sulle mie spalle”. E il bambino: “Non meravigliarti, Cristoforo, tu hai portato sulle tue spalle non solo il mondo intero, ma anche Colui che lo ha creato. Io sono Gesù Cristo, il padrone che tu servi. In segno della verità delle mie parole, pianta il tuo bastone, vicino alla tua capanna: domattina, lo vedrai carico di fiori e di frutti”. E il bambino sparì. E l’indomani il suo bastone era una palma carica di datteri.”

(Dalla “Legenda Aurea di Jacopo di Varazze, traduzione riportata dal sito della parrocchia di Cogollo )

Chiesa di S. Martino, Malvaglia (Svizzera)

Chiesa di S. Martino, Malvaglia (Svizzera)

 

Se le spalle di san Cristoforo portano il dolce ed estenuante peso di Dio, i suoi piedi invece affondano nelle acque, simbolo dell’oscuro mondo materiale e corporeo, pervaso dalle correnti delle passioni.

Chiesa di S. Martino, Malvaglia (Svizzera) - dettaglio

Chiesa di S. Martino, Malvaglia (Svizzera) – dettaglio

 

In particolare, a simboleggiare la sessualità, ritroviamo la melusina, nel suo classico atteggiamento provocante che lascia davvero poco all’immaginazione…

Chiesa di S. Martino, Malvaglia (Svizzera) - dettaglio

Chiesa di S. Martino, Malvaglia (Svizzera) – dettaglio

Eppure, forse è proprio questo oscuro segretoa dare a San Cristoforo la forza necessaria per poter portare il Cristo: solo l’albero che affonda le proprie radici nella terra nera può permettersi di slanciare i propri rami verso il cielo….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...